Il Caffè poesia di origine controllata
 
 
Il Caffè
Il caffè poesia di origine controllata
Il caffè - poesia d'origine controllata - OGGI!

è sempre stato un punto d'incontro delle persone che parlando della propria vita, esperienze, gioie, dolori, amori, hanno espresso la propria storia attraverso uno scambio di emozioni e riflessioni con cui, insieme, si sono arricchite di valori
con il suo profumo ha impresso nella memoria il senso della vita, l'ha accompagnata, addolcita e stimolata nel suo percorso quotidiano

si propone l'obiettivo di celebrare l'inizio del nuovo secolo con creativi, poeti, musicisti, attori, cantanti... avvicinando culture diverse e distanti, colte e tradizioni popolari, come i nostri rapper hip-hop, cantautori e la poesia sperimentale contemporanea, passando attraverso la tradizione orale dei nostri trovatori medioevali come quella dei cantastorie siciliani e dei poeti a braccio toscani in ottava rima
nasce per l'ascolto di un pubblico giovane e adulto, colto e popolare, per ritrovare l'emozione del rapporto diretto, oltre il silenzio della sola scrittura e della sola lettura, che sia un libro o un computer

accoglie poesie e testi di canzoni da analizzare e su cui pensare e perché no, discuterne. E per far parlare direttamente Edoardo Sanguineti dire che “non esiste una norma astratta. Non esistono criteri che permettono un giudizio. Esiste il dibattito sulle motivazioni che in un certo periodo storico portano a fare poesia in un determinato modo. Questo significa comprendere testi complessi, discutere e approfondire. Non mostrare testi esemplari come si fa a scuola. …insegnare vuol dire mettere in discussione, problematizzare, capire cosa c’è dietro. …Cercare con forte coscienza i motivi della condizione storica presente attraverso i documenti che il passato ci ha lasciato sulla poesia. …I giovani sono affamati di poesia. La domanda è eterna: l’amore, la morte, i problemi morali…” 

 
   
   
 
Vai al sito di Ariele D'Ambrosio Ariele D'Ambrosio
Deprecated: mysql_pconnect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\ilcaffepocit\admin\Connections\parameters.php on line 9
Ariele D'Ambrosio
Scrivi ad Ariele
MUNDUS
poesie per un'etica del rifiuto
Ariele
CANZONE PER NEJRA
ARIELE E "IL CAFFÈ POC"
GALLERY
Ariele D'Ambrosio
Lucia Stimolo
Ariele D'Ambrosio
Ariele D'Ambrosio
Monica Assante
Ariele D'Ambrosio
     
FILMPOESIE
Canzone per Nejra
Canzone per Nejra
Autore: Ariele D'Ambriosio
Video: Bruno Roberti
Anno: 2007
Odore di Chiese
Odore di Chiese
Autore: Ariele D'Ambriosio
Video: Bruno Roberti
Musica: Giorgio Liguori
Anno: 2008
Strade ghiacciate di lumache
Testa
Autore: Ariele D'Ambriosio
Video: Bruno Roberti
Musica: Sandro Cerino
Anno: 2008
RASSEGNA STAMPA
5 Gennaio 2006
"Nejra", la poesia che canta per dichiarare guerra alla guerra
SCRITTO-ORALE: labile confine quando la poesia sposa le note musicali. E così rivivono rivisitati i rapsodi greci, i eawi arabi, i trovatori medievali, i bardi irlandesi. Rivivono grazie ad un poeta-medico, Ariele D'Ambrosio, autore di Canzone per Nejra, tra guerra e terrorismo (Colonnese Editore): versi, pensieri, riflessioni, intervallati da fredde...
Leggi tutto l'articolo
2005
"Una canzone per Nejra" il teatro racconta la guerra
Una guerra di parole. Il poeta-performer Ariele
D' Ambrosio presenterà il 18 novembre al teatro Sannazaro il progetto multimediale "Canzone per Nejra - tra guerra e terrorismo": uno spettacolo, un libro e un cd per invitare a una riflessione sugli orrori del mondo contemporaneo. Qual è, D' Ambrosio, l' idea di partenza?...
Leggi tutto l'articolo
POESIE E TESTI

FORMICHE PROFONDE  

TESTA 

poesia detta con musica originale

formiche profonde
in zampe strette
di grattacieli d'acqua
occhi rossi
ghiacciati in soli di freddo
luci bianche di girasoli
ed ancora colori trasparenti
di cenere liquida
i miei serpenti dai colli di cavallo

le mie orecchie ancora piangono

poesia cantata


testa
vuota ti dipingo
verde dorata argentata
nera no
blu
un aspetto attuale
più vivo
due palline di vetro
nei fori orbitali
una parrucca di capelli
veri lunghi biondi
una voce all'interno
che dice
mamma papaà

bambolotto senza sesso
nella realtà disteso
d'ermafroditi e d'angeli
dal pube liscio

denti non he hai
e non mi mordi
nel tuo circo truccato
mi confondo
nel giro dei pagliacci
bambola liscia
che parli e parli
mentre il nastro
s'avvolge all'interno